I Quadri Impressionisti

dipinto cezanne

Quadri impressionisti: Impressione. Il levar del sole

L’impressionismo deve il suo nome a questo dipinto di Claude Monet, oggi conservato al Musee Marmottan Monet di Parigi. Un’opera di piccole dimensioni che susciterà molte polemiche in seguito all’articolo del critico Louis Leroy che definirà questo gruppo di pittori (nel 1874 ancora poco noti) dispregiativamente “impressionisti”. Il dipinto diventa dunque simbolo di questo nuovo movimento pittorico che si pone l’obiettivo di un rinnovamento radicale della pittura. L’opera presenta come soggetto il porto di Le Havre, al levare del sole. Si intravede la sagoma di qualche barca e in lontananza il sole, dal colore vividissimo che sta per sorgere.
I quadri impressionisti sono realizzati con una tecnica particolare che viene definita en plein air. L’artista si immerge nella natura, per catturare le sensazioni e le impressioni che ne derivano. Si abbandona, dunque, il modo tradizionale di dipingere alla ricerca del nuovo. Il pittore lascia il suo studio per immergersi nella realtà. Ne è un esempio Colazione sull’erba, sempre di Monet, che si rifà all’omonimo dipinto di Manet (altra opera che suscitò molto scandalo). Nonostante le feroci critiche, l’opera di Manet può essere definita un vero e proprio capolavoro così come il suo Olympia, con il quale scioccò di nuovo l’opinione pubblica rivisitando la Venere di Urbino di Tiziano.

Quadri impressionisti: Cezanne e Degas

Dal 1874, anno della prima mostra in cui viene presentato il dipinto di Monet, il movimento pittorico inizia a riscuotere un enorme successo grazie anche al folto e nutrito gruppo di pittori che ne prende parte tra cui Paul Cezanne e Edgar Degas. Dal 1874 al 1866 Degas realizza una serie di opere che si inscrivono pienamente nel movimento impressionista. In questo periodo è alla ricerca di innovazione, sperimenta sia nei temi che nella tecnica. Si avvicina al reale rifacendosi a temi del tutto nuovi: ne sono un esempio Le stiratrici, le modiste o la serie di opere dedicata alla toeletta femminile.
Cezanne rappresenta un caso “particolare”. Egli stesso non si identifica del tutto con il movimento impressionista pur condividendone alcuni temi. è grazie alla vicinanza con Pissarro che l’artista matura pienamente dal punto di vista artistico. Il risultato è un’opera di grande bellezza: La casa dell’impiccato a Auvers. Realizzato con pennellate rapide, l’opera non ha un ordine prospettico. Fu presentata alla prima mostra dei pittori impressionisti ma non riscosse alcun successo.

Quadri impressionisti: le caratteristiche

Le opere degli impressionisti rappresentano un punto di rottura rispetto al passato. Questi artisti, alla ricerca del nuovo, si impegnano nella realizzazione di dipinti che possano scardinare i vecchi punti di riferimento per stabilirne di nuovi. Una delle caratteristiche degli impressionisti (come abbiamo già detto) è quella della pittura en plein air: dipingere a stretto contatto con la natura. Ma non è certo l’unica. Questi artisti si impegnano profondamente nello studio della luce. Le loro opere si basano sui contrasti e spiccano i colori molto forti. Renoir nelle sue nature morte ha cercato di individuare proprio i passaggi cromatici importanti: come la luce illuminando gli oggetti ne modifica il colore.

I quadri impressionisti sono realizzati sui contrasti di colore, sull’utilizzo di tinte inusuali per rappresentare alberi o case. L’artista vuole inoltre di fissare sulla tela le impressioni offerte dall’osservazione della realtà. Per questo motivo l’opera deve essere completata velocemente, perché al cambiare delle condizioni, mutano velocemente anche le impressioni. Lo stesso soggetto cambia molto se dipinto ad un’ora diversa dall’altra: ne sono un esempio i dipinti della Cattedrale di Rouen di Claude Monet. Un ciclo di 50 dipinti attraverso il quale Monet dimostra come la percezione della realtà si modifichi profondamente in momenti diversi della giornata e come la luce rappresenti l’elemento chiave, fondamentale nel determinare le differenze cromatiche.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio