Zuloaga Zabaleta

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Zuloaga Zabaleta.
Per maggiori informazioni clicca qui

zuloaga_zabaleta_ignacio-dipintoPittore spagnolo nato a Éibar Guipúzcoa nel 1870, proviene da una famiglia di ceramisti e nutre fin da piccolo una venerazione per maestri come Goya (del quale visiterà anche la casa natale a Fuendetodos vicino Saragozza) e Domenikos Theotokopoulos detto El Greco.

La Spagna tipica, con le sue gitane e le sue brune bellezze, è il soggetto preferito di questo pittore contemporaneo, che espone alla Biennale di Venezia nel 1903, anno della sua amicizia con Rodin, e nel 1905, i suoi dipinti più famosi: “Las mujeres de Sepúlveda”,  “Los flagelantes” , “Lola la gitana”, “Mercedes” etc.

La sua pittura ricorda molto quella di Goya, ha la stessa pastosità e la stessa gamma di colori, ed ha una vivacità espressiva che l’artista raggiunge non con i colori ma tramite la rappresentazione di personaggi tipici: sembra quasi di sentir suonare le nacchere nel dipinto raffigurante la gitana, ed in generale tutta la sua pittura è permeata dal clima dell’Andalusia.

Grande appassionato dell’Italia (il suo primo studio lo aveva acquistato a via Margutta), vi ritorna due volte, vistando Venezia, Firenze e Roma, ma compie viaggi anche a Parigi (come non sostare a Mont-Martre, all’epoca frequentato da Degas, Gauguin, Van Gogh) e in tutta la Spagna; e sarà proprio la Spagna, in particolar modo Segovia, a fornirgli l’ispirazione per  “Mi tío y mis primas” , il suo dipinto più importante e famoso.

Suo entusiasta ammiratore  è il re Vittorio Emanuele III, che gli consegna nel 1911 il Gran Premio in occasione di una grande personale di Zuloaga a Roma alla Mostra Internazionale del Cinquantenario. Instancabile viaggiatore e famoso anche oltreoceano, compie viaggi in America, da New York a Pittsburgh, portando ovunque la sua arte, sempre molto apprezzata, forse perché espressione di una Spagna più pura e tipica. L’ultima esposizione è ancora una volta a Venezia alla Biennale del 1942; muore nel suo studio a Madrid nel 1945.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio