Emilio Longoni

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Emilio Longoni.
Per maggiori informazioni clicca qui

EmilioLongoni-operaNacque a Barlassina, provincia di Milano, nel 1859, Emilio Longoni, pittore italiano, in una numerosa e povera famiglia da genitori operai e garibaldini. Fin da giovane, Emilio mostrò la sua attitudine artistica. Terminata la scuola dell’obbligo Emilio Longoni partì per Milano per divenire garzone ed ebbe così occasione di formarsi presso l’Accademia di Brera, dal 1875 al 1878, dove ottenne diversi riconoscimenti.

I dipinti di Emilio Longoni più famosi del periodo furono Interno di una stalla e Paesaggio.

L’incontro decisivo che segna l’inizio della carriera artistica di Emilio Longoni iniziò dopo un soggiorno a Napoli, con l’incontro di Giovanni Segantini, Alberto e Vittore Grubicy nel 1882. Gli fu proposto di presentare le sue tele firmate da Segantini, per una consuetudine di mercato, ma egli si rifiutò.

Quattro anni dopo Emilio riuscì a prendere in affitto uno studio dove iniziò a dipingere, per lo più ritratti e nature morte, ricordiamo Cocomeri e poponi, per committenti borghesi.

La sua consacrazione alla corrente pittorica divisionista avvenne nel 1891 con la partecipazione alla Prima Triennale di Brera, dove il suo virtuosismo con il pastello viene accolto favorevolmente dalla critica. Sette anni dopo rimase coinvolto nelle sommosse milanesi fu sottoposto alla censura della polizia a causa dei soggetti politici e sociali delle sue opere, fra queste opere ricordiamo Chiusi fuori da scuola.

Fra il 1900 ed il 1932 prese parte a varie esposizioni, nazionali ed estere, divenne buddista ed iniziò ad isolarsi sempre di più, lavorando ai suoi quadri in diretto contatto con la natura specialmente in montagna, ricordiamo Trasparenze alpine, nel Massiccio del Bernina. Queste escursioni montanare terminarono dopo la prima guerra mondiale, quando a causa dell’età si vide costretto a rinunciarvi.

Iniziò a condurre una vita privata più riservata, le esposizioni si fecero più rare. Si sposò nel 1928 con la sua compagna Fiorenza de Gaspari e morì a Milano nel 1932.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio