Ardengo Soffici

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Ardengo Soffici.
Per maggiori informazioni clicca qui

ardengo_soffici_quadroScrittore e pittore nato a Rignano sull’Arno nel 1879, Ardengo Soffici abbandonò presto le scuole dell’obbligo per dedicarsi completamente al mondo della pittura. Visse a Parigi per diversi anni della sua adolescenza e nel 1907 tornò in Italia diventando uno dei principali collaboratori della Voce.

Partecipò attivamente alla guerra del 1915-18, collaborò alla fondazione del Popolo d’Italia e fu sostenitore convinto del fascismo. Iniziò la sua carriera di critico d’arte intorno al 1939, anno in cui fu nominato accademico d’Italia. Tale attività la svolse con estrema violenza polemica, finalizzata a demolire e a usurpare o valorizzare le maggiori personalità dell’impressionismo e del postimpressionismo francese.

La pittura di Soffici subì diverse influenze legate all’esperienze con l’avanguardia, alle ingerenze del futurismo e del cubismo diventando via grande esponente per poi passare nel primo dopoguerra sulle posizioni tradizionali dettate di un temperamento sanamente provinciale, tipico della sua indole toscana.

La sua carriera da scrittore produsse di opere tra le quali Ignoto toscano e Flemmoni Boreo, ma di grande importanza fu la sua carriera da pittore in cui ricordiamo opere come la Giostra dei sensi, Arlecchino e Giornale di bordo. La sua arte rievoca il suo amore per la vita e la natura che riecheggia nelle sue opere paesaggistiche a cui si accostano le sue doti ritrattistiche.

Tra le sue opere più famose ricordiamo la ritirata del Friuli, Taccuino di Arno Borghi, Ricordi di vita artistica e letteraria, e l’uva e la croce, la fine del monto e il salto vitale. Popolari furono anche gli scritti il Caso Rosso, l’impressionismo, cubismo e futurismo, Statue e Fantocci, D’ogni erbe un fascio e Salti nel tempo.

La sua produzione pittorica rispecchia la sua posizione di critico e di anticonformista, non mai notevole ma fedele alla tradizione. Grande fonte d’ispirazione per la sua arte fu l’artista Cèzanne, che fu per lui una vera e propria fonte di idee. Morì a Vittoria Apuana di Forte di Marmi nel 1964.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio