Strozzi Bernardo

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Strozzi Bernardo.
Per maggiori informazioni clicca qui

strozzi_bernardo_quadroBernardo Strozzi, detto il Cappuccino o il Prete genovese (Genova, 1581 – Venezia, 2 agosto 1644), è stato oltre che pittore italiano del Seicento, un religioso, considerato uno dei più importanti e prolifici esponenti della pittura barocca italiana.

Poco più che diciassettenne aderì all’Ordine dei frati minori Cappuccini che lasciò alla morte del padre (1608) per mantenere la madre, da qui gli resterà per sempre come nome d’arte, il Cappuccino.

Accusato nel 1625 di praticare illegalmente la pittura, fu costretto, dopo un breve periodo di reclusione, a rientrare nell’ordine dei Cappuccini, chiese asilo alla Repubblica di Venezia, e qui ebbe un altro nome d’arte, fu soprannominato il Prete genovese.

Gran parte delle sue opere riguardano soggetti di carattere religioso, le sue prime opere furono molto influenzate da insegnanti francescani, anche se molte si avvicinano alle opere del Caravaggio, uno di questi è Il volto, nel dipinto Incredulità di san Tommaso. Bernardo Strozzi si è ispirato molto alla scuola pittorica toscana, uso di colori intensi, anche se non è stato immune da influenze di artisti lombardi e fiamminghi.

Strozzi operò anche a Venezia, città nella quale morì e anche qui non poté sottrarsi alle influenze artistiche, di Paolo Veronese e Rubens, pur avendo un suo stile molto personale, e apprezzato dai mecenati veneti. Di questo periodo sono i dipinti Parabola del convitato a nozze (1630), Cristo consegna le chiavi del Paradiso a San Pietro (stesso anno), Carità di San Lorenzo (Venezia, chiesa di San Nicola da Tolentino) e la Personificazione della Fama (1635-1636).

Furono dipinti da lui anche ritratti raffiguranti notabili veneziani, tra questi il cardinale Federico Correr e il doge Francesco Erizzo. A Genova fra il 1629 e il 1630 oramai noto, gli venne commissionato un ritratto del compositore Claudio Monteverdi.  Un suo discepolo negli anni Veneziani, è stato Ermanno Stroiffi, mentre degli anni genovesi ci sono Giovanni Andrea de Ferrari (1598-1669), Antonio Travi (1609-1665).

Le sue opere sono conservate, oltre che nella Galleria di Palazzo Rosso di Genova, anche in molte chiese e musei di Venezia, e in musei di tutto il mondo. San Pietroburgo, Monaco di Baviera, Vienna, Londra)

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio