Girolamo Romanino

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Girolamo Romanino.
Per maggiori informazioni clicca qui

romanino-girolamo-quadroIl vero nome dell’artista che si fece chiamare per tutta la vita Girolamo Romanino era Girolamo Da Romano: nato a Brescia, probabilmente negli anni a cavallo tra il 1484 e il 1487 – non è certa la data di nascita – ben poco si sa sulla sua primissima formazione artistica ed anche della sua vita, in quanto non vi sono notizie certe soprattutto per quel che riguarda le datazioni importanti.

Anche il cognome Da Romano non fu il suo vero cognome: si sa che il padre dell’artista si chiamava Luchino e che costui era l’esponente di una famiglia fiorente e rigogliosa che aveva origini di Romano da Lombardia, e che in quegli anni si era trasferita a Brescia.

La formazione artistica di Girolamo è incerta, almeno fino agli inizi del Cinquecento: a partire da questi anni, infatti, si hanno notizie più certe circa la sua formazione, che si divise tra maestri veneti e milanesi (Giorgione, Tiziano, Durer), e proseguì nel tentativo di conciliare questa prima formazione con elementi di pittura nordica.

Alcune delle opere di maggiore espressione artistica furono, ad esempio, la Madonna col Bambino (databile intorno al 1507, in cui si nota l’interesse per Giorgione e Tiziano), il Compianto su Cristo morto, del 1510, la Madonna, santi e committenti, molto differenti per stile e caratteristiche da opere decisamente più mature, come ad esempio Caduta della manna, Acqua che zampilla dalla roccia, del 1555, e Vocazione dei santi Pietro ed Andrea, del 1557.

Dalla sua Girolamo Romanino ebbe la possibilità di viaggiare molto, e di conoscere ed entrare in contatto con realtà culturali ed artistiche molto differenti tra loro: Padova, Trento, Brescia, Cremona, furono alcune delle città da lui visitate, che gli permisero di entrare in contatto con le correnti e le influenze artistiche di quel tempo, e che gli consentirono di misurarsi in un’arte poliedrica e ricca di significati.

Nell’ultimo periodo della sua vita, l’artista ebbe anche modo di conoscere Lattanzio Gambara, con cui collaborò alla Vocazione.

L’artista si spense nel 1566 circa, anche se non è certa la data precisa.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio