Giovanni Battista Piazzetta

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Giovanni Battista Piazzetta.
Per maggiori informazioni clicca qui

Giovanni-battista-piazzetta-operaFiglio di Giacomo Piazzetta, nato a Venezia il 13 febbraio 1682, Giovanni Battista Piazzetta fu non solo pittore, ma anche scultore ed intagliatore di una certa importanza artistica e culturale che visse a cavallo tra la fine del Seicento e gli inizi del Settecento e che, per questo, ebbe modo di apprendere diverse correnti artistiche e di formarsi in notevoli differenze pittoriche e culturali di quell’epoca.

La particolarità del pittore fu quella di esprimere nelle sue opere una sorta di dimensione psicologica nella quale si nota il tormento e il tentativo di raggiungere una sintesi pittorica: nei suoi dipinti è chiaro il tormento ed è altrettanto nota la difficoltà di ottenere una plasticità che non gli fu facile raggiungere.

Tuttavia, sebbene nei dipinti e nelle opere del Battista si notino queste difficoltà, non si può dimenticare che a livello di disegni, egli fu uno dei più distinti del suo tempo.

Si formò in un primo momento presso la bottega del padre, e dopo qualche anno passò alla bottega di Andrea Molinari, anche se da una lettera inviata a Nicolosi, si evince che il pittore considerasse come suo primo maestro Silvestro Manaigo. Fu tuttavia a Bologna che Giovanni Battista Piazzetta poté apprendere al meglio l’arte pittorica, studiando in particolare le opere dei Carracci (Ludovico, Agostino e Annibale) e del Guercino.

Da non dimenticare però che l’influenza maggiore fu opera di Giuseppe Maria Crespi, tant’è che è possibile ancora oggi rendersi pienamente conto di diverse analogie tra alcune opere di Crespi e di Piazzetta.

Un’altra particolarità dell’artista fu quella di essere sempre in eterna contrapposizione con sé stesso: sebbene abbia ottenuto un certo successo e riconoscimento del suo sacrificio e del suo lavoro, l’ultimo periodo della sua vita fu particolarmente doloroso, a livello materiale e psicologico. Il pittore, infatti, visse i suoi ultimi anni nella miseria, contornato da un’immensa solitudine, per poi spegnersi a Venezia il 29 aprile 1754.

Tra le opere degne di significato, si ricordano in particolare: Giuditta e Oloferne (a Roma), e L’indovina, Il martirio di San Giacomo, Gloria di San Domenico, Visione di San Filippo Neri (a Venezia).

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio