Francesco Solimena

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Francesco Solimena.
Per maggiori informazioni clicca qui

francesco_ciccio-solimena_telaFrancesco Solimena, detto anche L‘Abate Ciccio, fu un famoso pittore italiano nonché architetto ed uno dei massimi esponenti della corrente tardo barocca. Fra i suoi ispiratori citiamo Francesco Guarini, Luca Giordano di cui l’artista ammirava la pittura creativa e molto scenografica e Mattia Preti.

Francesco Solimena nacque a Canale di Serino, nel 1657, da Marta Resigniano e Angelo Solimena, già noto artista. Proprio dal padre, Francesco, apprende l’arte della pittura istruendosi nella sua bottega a Nocera inferiore.

La passione che Francesco nutriva per la pittura, non fu tuttavia incoraggiata soltanto dalla famiglia ma anche dal cardinale Pietro Francesco Orsini, che poi divenne papa Benedetto XIII, che durante una visita a Nocera inferiore ebbe modo di notare il talento di Francesco Solimena incoraggiando lui e la famiglia a farlo perseverare nello studio della pittura.

Francesco lavorò per diversi anni insieme al padre, fra i dipinti eseguiti in comune nel 1670, ricordiamo: Il Paradiso nella cattedrale di Nocera e la Visione di San Cirillo d’Alessandria che si trova nella chiesa di San Domenico a Solofra.

Negli anni ’80 del seicento la pittura del Solimena inizia a distanziarsi da quella del padre, dal naturalismo Francesco passò al barocco, di questo periodo ricordiamo opere come gli affreschi di San Giorgio a Salerno e le tele delle Virtù della sacrestia di San Paolo Maggiore che si trovano a Napoli.

Invece nella tela di San Francesco rinunzia al sacerdozio, che si trova nella chiesa di Sant’Anna dei Lombardi, risalente ai primi degli anni ’90 del seicento si riscontra già l’ispirazione alle opere di Mattia Preti; questo periodo segnò la maturazione della pittura del Francesco Solimena, che già s’ispirava fra l’altro a Luca Giordano di cui per altro è considerato l’erede artistico.

In occasione di un viaggio a Napoli, nel 1728, Francesco Solimena si ritrovò fra le mani un’interessante commissione: il cardinale Michele Federico Althann, viceré di Napoli, gli commissionò una tela raffigurante il prelato rendente omaggio all’imperatore d’Austria Carlo VI con l’offerta del catalogo della pinacoteca imperiale. Un lavoro che riscosse molto successo.

Sebbene Francesco Solimena fosse molto attratto dalla corrente barocca, il suo spirito naturalista che aveva caratterizzato la sua pittura giovanile non tardò a riemergere, ne sono una prova i quadri dipinti per la Reggia di Caserta su richiesta di Carlo di Borbone (1735).

Francesco Solima si spense nel 1747  nella sua casa, villa Barra, a Napoli e fu sepolto nella chiesa di San Domenico.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio