Filippelli Cafiero

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Filippelli Cafiero.
Per maggiori informazioni clicca qui

filippelli_cafiero-operaCafiero Filippelli fu un pittore italiano dotato di straordinario talento, lo si ricorda per la sua pittura delicata ed attenta, dedita a raccontare scene di vita domestica o a ritrarre donne, bambini e uomini a lavoro. Una pittura molto naturale, dai colori tenui, la luce talvolta soffusa, incredibilmente realistica.

Lo si ricorda anche per esser stato uno degli esponenti di maggior rilievo nella Scuola Labronica del Novecento.

Filippelli nacque a Livorno, nel 1889, dimostrando una particolare passione per la pittura e per il disegno fin da giovane fu incoraggiato ad iscriversi alla Scuola d’arte e mestieri in Piazza San Giuseppe. Successivamente vinse la borsa di studio “Banti” riuscendo ad entrare nell’Accademia delle Belle Arti di Firenze dove conobbe il mentore Galileo Chini, esponente dell‘arte liberty e Giovanni fattori.

Fu anche allievo di Lorenzo Gori e Lorenzo Cecchi da cui apprese l’arte dell’acquerello. La sua pittura fu fortemente influenzata da tali insegnamenti ma soprattutto subì il fascino della corrente dei macchiaioli.

Filippelli amava particolarmente le scene del genere definito da Bonnard “Intimismo”, ma per adeguarsi alla richiesta di mercato si trovò molto spesso a dipingere en plen air, dedicandosi a paesaggi marini e rurali come la costa livornese, le scogliere di Antignano, i bagni labronici, la pineta di Ardenza, scorci della città e del porto e le campagne dell’entroterra.

Nel 1914 si sposò e fu chiamato alle armi. Ritornato a casa trovò lavoro come decoratore di testate di letti di ferro, trovando il tempo di dipingere la sera ed utilizzando come modelli i familiari e le scene di vita domestica.

Durante la lunga carriera artistica Filippelli partecipò a diverse esposizioni come la Primaverile Fiorentina, la quadriennale di Torino, la Biennale Internazionale d’arte di Venezia e la biennale di Roma, negli anni venti. Fra gli anni quaranta e gli anni sessanta, in piena maturità artistica si dedicò molto spesso ai soggetti campestri, in particolare ritraendo i paesaggi livornesi.

Cafiero Filippelli continuò ad esporre le sue opere fino a pochi anni prima della sua morte avvenuta nel 1973.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio