Federico Barocci

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Federico Barocci.
Per maggiori informazioni clicca qui

Federico-Barocci-dipintoFederico Barocci, (Urbino, 1535? – Urbino, 30 settembre 1612) detto il Fiori, è stato un pittore italiano, un importante esponente del Manierismo italiano e dell’arte della Controriforma e fu considerato uno dei maggiori precursori del Barocco. Il suo stile elegante lo fa ritenere uno dei pittori più importanti fra Correggio e Caravaggio. Nasce probabilmente nel 1535 a Urbino da una famiglia di artisti di origini lombarde, il bisnonno era scultore, il padre un abile orologiaio e incisore di gemme e proprio dal padre Federico apprese l’arte del disegnare.

Da bambino studiò con Battista Franco, che lo avviò allo studio della scultura antica. La sua carriera inizia a Roma e fu brillante, ispirata da Raffaello, e ammirata da un anziano  che gli diede l’incarico di dipingere una pala d’altare con la Visitazione per la sua Chiesa Nuova. Si racconta che Filippo Neri a dipinto ultimato, rimase letteralmente estasiato. Il dipinto mostra in un contesto di vita quotidiana romana  Elisabetta e la Vergine che si salutano.

Nel 1565 convinto di essere stato avvelenato per gelosia, lasciò Roma e tornò nella sua città natia Urbino dove entrò sotto la protezione di Francesco Maria II della Rovere, duca di Urbino a cui essendo anche ritrattista dedicò una tela esposta oggi agli Uffizi. Urbino aveva una notevole vivacità culturale, ma comunque non era Roma e nonostante questo riuscì a ottenere importanti commissioni per le sue pale d’altare, avvicinandosi molto alle correnti innovative dei Francescani e dei Cappuccini.

A causa delle sue condizioni di salute, dovute al presunto avvelenamento, non poteva lavorare con una certa continuità, doveva lavorare per brevi periodi e lasciare la verniciatura delle pale per ultimo. Mantenne comunque un buon livello e cominciò a studiare, diventando pioniere della tecnica dei pastelli e degli schizzi ad olio,  fece anche studi sull’illuminazione, sulla prospettiva del colore e sulla natura. Bisogna dire che le sue opere non raccontano per niente le sue pene e le sue angosce. Uomo profondamente infelice, malinconico e irascibile, con un carattere molto difficile, un uomo molto solo in contrasto con le sue pitture, colorate, serene e ottimistiche.

Morì a Urbino il 30 settembre del 1612.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio