Federico Andreotti

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Federico Andreotti.
Per maggiori informazioni clicca qui

andreotti_federico-quadroFederico Andreotti fu un pittore italiano dall’impressionante talento per il verismo, il suo stile nella realizzazione delle opere mostra una grande passione per l’arte. I soggetti ritratti dall’Andreotti sono avvolti da un’atmosfera di fascino, di allegria e di vitalità; vengono resi reali e quasi tangibili grazie alla grande abilità nella tecnica, all’uso dei colori sfavillanti ed alla luminosità dietro cui vi è un evidente attento studio.

Naturalezza, realismo e romanticità spiccano in molti dei quadri di Federico Andreotti che amava dipingere paesaggi, scene di genere, nature morte, scene storiche (soprattutto ambientazioni del seicento e del settecento) e ritratti per lo più femminili.

Federico Andreotti nacque a Firenze nel 1847 e sappiamo per certo che la sua formazione iniziò a nove anni con il pittore Angiolo Tricca per poi proseguire all’Accademia di Belle Arti di Firenze (1861) dove conobbe il Pollastrini e l’Ussi. Durante questa fase di apprendistato l’Andreotti si dedicò allo studio degli impressionisti, delle tecniche quali pittura ad olio ed acquerello ma anche all’affresco. Successivamente ebbe modo di sperimentare la tecnica verista con il Macchiaioli.

Nel 1864 gli fu commissionata una delle sue opere più importanti “Il Savonarola che caccia dalla sua cella due sicari della Bentivoglio”. Quest’opera fu molto criticata inizialmente e ciò spinse l’artista ad abbandonare i temi storici per dedicarsi ai ritratti ed alle scene di genere.

Eseguì fra le numerose opere molti affreschi e soggetti decorativi ed ebbe molte commissioni anche straniere. Nel 1879 fu nominato professore del Collegio accademico.

Fra le sue opere si ricordano: Paggio, Veneziana, Fioraia, Campagna presso Firenze, Scena galante, Il parasole rosso, Paesaggio a Vallombrosa, La fata del bosco, Giovane signora, Campagna toscana e Savonarola che scaccia dalla sua cella i sicari.

Federico Andreotti morì a Firenze nel 1930.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio