Catti Michele

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Catti Michele.
Per maggiori informazioni clicca qui

catti_michele-dipintoIllustre pittore italiano dal talento indiscutibile, Catti Michele artista bohémien, amante della solitudine, con pochi amici, diversi guai ed una salute cagionevole amava ritrarre la natura in tutto il suo splendore reale, opere che poi lo resero giustamente famoso.

Nacque a Palermo nel 1855. Il suo spirito artistico e ribelle si palesò già in giovane età, quando Catti decise di fuggire di casa per evitare gli studi giuridici a cui i genitori lo volevano indirizzare. Fu uno scrittore, presso cui trovò ospitalità, ad introdurlo nell’ambiente dell’arte palermitana, ponendogli accanto come mentore Francesco Lo Jacono.

Catti però trovando il lavoro di copiatura troppo noioso, decise di abbandonare il suo mentore per avvicinarsi alla natura in un contatto più diretto. I suoi soggetti migliori, di fatti, sono i quadri che raffigurano paesaggi naturali: i colori tenui, il tocco delicato, la sapiente maestria con cui dosa la luce e le ombre, rendono le opere di Catti uniche.

Molta della tecnica appresa si deve, all’amicizia con il pittore Vincenzo Ragusa che lo ragguagliò su alcune tecniche di pittura orientale, ma soprattutto alla sua passione per il realismo e successivamente al suo interesse per l’impressionismo che elaborò attraverso la pittura di Antonio Leto.

Debuttò nel 1875, a Palermo con “Burrasca d’autunno” alla Promotrice mentre l’anno seguente vi partecipò con Tramonto d’inverno. Nel 1881 partecipò all’Esposizione nazionale di Milano con l’opera “Il crepuscolo” e nello stesso anno dipinse anche “Lo sbarco di Garibaldi a Marsala”

Fra i viaggi più significativi che compì Michele Catti, ne troviamo uno a Roma dove ebbe modo di frequentare lo studio del Michetti. Di nuovo a Milano espose nel 1891 e poi nel 1893 a Palermo. In quegli anni i suoi quadri di maggior successo furono “Estate, Primavera, Autunno e Inverno” esposti in un Circolo artistico di Palermo. Sempre in questa città espose varie volte nelle mostre di Belle Arti.

Nei primi del novecento la pittura di Catti inizia a farsi più matura ma anche più triste, i suoi soggetti prediletti furono i paesaggi autunnali, le scene di una città avvolta dal vento e dal freddo. Di questo periodo ricordiamo: Donna a passeggio, Paesaggio paludoso, Scogli a riva, Alberi a riva e Marina con scogli. Uno dei più importanti fu “Castello a mare“ del 1909 che ritrae uno scorcio di Palermo che fu distrutto quello stesso anno.

L’anno successivo vinse la medaglia d’oro all’Esposizione nazionale di Roma per il quadroUltime foglie”. Da qui fino all’anno della sua scomparsa, 1914, i suoi dipinti si velarono di malinconia e di tristezza, ricordiamo: La fiera dei morti, 2 novembre, Domenica piovosa e Il fiume.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio