Bronzino Agnolo

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Bronzino Agnolo.
Per maggiori informazioni clicca qui

bronzino-agnolo-quadroConsiderato uno dei maggiori pittori del Manierismo italiano, Agnolo di Cosimo di Mariano detto il Bronzino nacque a Monticelli di Firenze, il 17 Novembre 1502, da una famiglia semplice (il padre era un macellaio).

Della sua prima giovinezza si conosce poco, ma secondo alcune fonti, il soprannome “Bronzino”, con cui il pittore è noto dal 1529, richiama il colore dei capelli, “del colore del bronzo”.

Dal punto di vista artistico, la formazione culturale e pittorica del giovane artista, iniziò presso la bottega del pittore Raffaellino del Garbo, continuando dopo qualche anno presso la bottega di Jacopo da Pontorno, uno dei maggiori esponenti del manierismo fiorentino, presso la cui bottega ebbe modo di lavorare come assistente ed apprendere lo stile di quella corrente pittorica.

Proprio in quegli anni, prima dello scoppio della peste a Firenze, i due artisti decorarono le lunette nella cappella della Chiesa di Santa Felicita: nel 1523, Jacopo da Pontormo portò con sé il giovane assistente a Certosa, dove i due artisti ebbero modo di lavorare insieme ad una serie di affreschi oggi non più disponibili perché danneggiati.

Grazie all’esperienza con il maestro, il Bronzino poté assicurarsi un certo successo, e fu proprio la sua fama di pittore manierista a farlo chiamare dal Duca di Urbino. Dopo quegli anni, e dopo la morte prematura di Raffaello, il giovane artista prese il suo posto, diventando ritrattista dei Medici di Firenze, ritraendo Cosimo de’ Medici e altri familiari.

Nominato Pittore di Corte nel 1540 dal Duca Cosimo, nel 1545 il Bronzino si dedicò alla decorazione della cappella privata della moglie del Duca, Eleanor di Toledo, che terminò fra il 1540 ed il 1545 realizzando gli affreschi della volta e delle pareti, la pala d’altare ed altre tele. La Deposizione, è considerata uno dei capolavori del Bronzino: a quei tempi, venne così tanto apprezzata dal cancelliere dell’imperatore Carlo V, che Cosimo decise di regalargliela, chiedendo successivamente al Bronzino di realizzarne una copia identica.

Bronzino fu pertanto molto famoso per i grandi ritratti, dipinti con uno stile pittorico formale, ma spesso freddo ed elegante.

Tra i ritratti, si ricorda in particolare il Ritratto di un giovane uomo, dipinto forse attribuibile al 1535 e probabilmente utilizzato per conquistare la stima e la fiducia dei Medici.

L’apice del suo successo si ebbe con il Passaggio del Mar Rosso, in cui si nota un certo interesse verso la scultura del Michelangelo.

Il Bronzino si spense a Firenze,  il 23 novembre 1572.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio