Bartolena Giovanni

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Bartolena Giovanni.
Per maggiori informazioni clicca qui

bartolena-giovanni-quadroGiovanni Bartolena fu un noto pittore italiano dotato di straordinario talento artistico, vivace ed irrequieto, fu molto apprezzato per l’armonia del disegno, la poesia dei soggetti paesaggistici e l’uso sapiente della luce e del colore.

Nacque a Livorno, nel 1866, in una ricca famiglia in cui mosse i primi passi nel mondo dell’arte, grazie allo zio Cesare, pittore.

Successivamente il Bartilena ventenne frequentò l‘Accademia di Belle Arti di Firenze, dove seguì i corsi di Giovanni Fattori che, scoprendone il talento, ne curò personalmente l’istruzione. Avendo un carattere molto forte e vivace, il Bartolena non tardò a porre discussioni con i suoi maestri

L’esordio nella pittura, avvenne nel 1892 con un’esposizione alla Promotrice di Torino, contemporaneamente la famiglia cadde in disgrazia e Bartilena per guadagnare dovette dipingere a tempo pieno. Successivamente, nel 1896, partecipò alla Prima Esposizione Triennale d’Arte a Torino con l’opera “Cavallo morto”.

Seguì un viaggio a Marsiglia, nel 1898, con un breve soggiorno in cui però non dipinse molto bensì lavorò come conduttore di carrozze. Quindi, dopo sei mesi, ritornò in patria, inizialmente in Versilia, a Fossa dell’Abate nel 1915, ospite dell’amico Plinio Nomellini, quindi a Livorno, nel 1917, ospite di Paolo Fabbrini, direttore del Corriere di Livorno ed infine si stabilì definitivamente a Livorno nel 1919.

Indurito di carattere dalle avversità, Batilena si dedicò totalmente alla pittura, rifuggendo però legami, vincoli e contratti. I soggetti preferiti dei suoi quadri furono i paesaggi e le nature morte, a cui si dedicò completamente dal 1912 in poi.

Partecipò ad un’importante mostra a Milano nel 1925 dove riscosse molti pareri favorevoli da parte del pubblico, della critica e degli altri pittori. In questa occasione conobbe Luciano Cassuto, mercante di tessuti, che divenne suo mecenate. Si susseguirono altre esposizioni a Livorno, Milano e Venezia.

Pose fine alla collaborazione nel 1929 ma continuò ugualmente ad esporre fino alla fine degli anni trenta, riscuotendo sempre un notevole successo. Pochi anni dopo, nel 1942, si ammalò e morì in un ospedale di Livorno.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio