Augusto Giacometti

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Augusto Giacometti.
Per maggiori informazioni clicca qui

augusto-giacometti-quadroCugino di Giovanni Giacometti, altro artista dei suoi tempi, Augusto Giacometti  nacque a Borgonovo di Stampa, in Val Bregaglia, il 16 agosto 1877 e fu un noto pittore ed artista dalle pennellate delicate e dallo stile unico.

Come il cugino, anche Augusto non proveniva da una famiglia particolarmente ricca: infatti i genitori, Giacomo Giacometti e Marta Stampa, erano dei semplici contadini ma consentirono al giovane di studiare presso diverse scuole, prima a Stampa, poi a Coira ed infine a Zurigo, dove ebbe modo di frequentare la Scuola di arti applicate e diplomarsi come docente di disegno.

Nel corso dei suoi studi, il giovane pittore risentì di diverse influenze artistiche e culturali: dapprima, a Parigi, nel 1897, Giacometti fu influenzato dalla carica stilistica di Eugène Grasset, di cui fu allievo presso la Scuola di Arti Decorative. Ed è proprio qui, grazie all’insegnamento di Grasset, che Augusto rafforzò la sua capacità nella manualità e le sue doti artistiche decorative, riuscendo ad affermarsi anche nella manifattura artigianale, confezionando orologi, vetri, mosaici.

Poi, nel periodo in cui visse a Firenze (fino al 1915), poté apprendere molto dall’arte rinascimentale, influenzato in particolare dal Beato Angelico ed in generale da molti altri artisti che fecero la storia dell’arte del Rinascimento.

Il suo stile fu molto eclettico, influenzato spesso dai luoghi visitati e dagli artisti di cui ebbe modo di apprenderne le caratteristiche pittoriche e stilistiche: presso il Caffè Le Giubbe Rosse conobbe Giovanni Papini, Ardengo Soffici, e Giuseppe Prezzolini, ma l’anno della svolta fu il 1914 quando Augusto ricevette, in Svizzera, diversi incarichi pubblici per l’Università di Zurigo e per la chiesa di San Pietro, a Coltura.

Dal 1917 fu colpito dal Dadaismo, corrente artistica di cui apprezzò in particolare lo slancio espressivo e la libertà di espressione. Poi, nel 1921 ebbe modo di visitare altre nazioni europee, apprendendo qualcosa da ognuna di esse: visitò la Danimarca, la Germania, l’Olanda e la Svezia, ma anche l’Inghilterra – dove ebbe modo di conoscere William Turner – e l’Africa.

Gli ultimi anni della sua vita non furono particolarmente produttivi: infatti, la produzione artistica di Giacometti risentì della guerra di quegli anni, ed il pittore chiuse il capitolo della sua vita con un’autobiografia, Da Stampa  a Firenze, che fu pubblicata nel 1943.

Augusto Giacometti si spense a Zurigo, il 9 giugno del 1947, colpito da un infarto.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio