Antonio Ambrogio Alciati

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Antonio Ambrogio Alciati.
Per maggiori informazioni clicca qui

alciati-antonio-ambrogio-quadroAntonio Ambrogio Alciati (Vercelli, 1878 – Milano, 1929) è stato un pittore italiano. Studiò con G. Costa all’Istituto di Belle Arti di Vercelli, si trasferì nel 1887 con la madre e la sorella a Milano, qui frequentò l’Accademia di Belle Arti di Brera, sotto la guida di Vespasiano Bignami e Cesare Tallone, succedendogli alla cattedra di figura nel 1920.  Gli anni dell’Accademia furono  molto utili alla sua Formazione, cosi come furono fondamentali i suoi insegnanti. Cesare Tallone lo aiutò molto a perfezionarsi nel ritratto e lo introdusse nella borghesia milanese.

Fu un abile ritrattista, (Ritratto della signorina Binda, premiato a Brera nel 1914) e fu paragonato per l’impasto dei colori a Tranquillo Cremona mentre per i ritratti di figure femminili fu accostato a Giovanni Boldini. Fu anche autore di affreschi in alcune chiese lombarde e  nella villa Pirotta di Brunate  a Como.Partecipò dalla VII alla XII Biennale veneziane, le sue opere si conservano nelle Gallerie d’arte moderna di Milano (Ritratto della madre, pastello) e di Roma (Ritratto della signorina Pirotta),nel municipio di Vercelli (La vedova).

Dal 1902 al 1910 eseguì  una serie di quadri d’ispirazione romantica (”Spasimo”, Gli amanti”, “Il bacio”) e familiari (i ritratti della madre). Espose nel 1904 per la prima volta alla Permanente di Milano e nel 1907 alla Biennale di Venezia. Vinse il premio “Gavazzi’’ nel 1906 e nel 1908 alla Quadriennale di Torino ottenne consensi e lodi da tutta la critica. Si dedicò molto anche alla decorazione di chiese e ville lombarde. Espose nel 1910 alla Galleria d’Arte Moderna di Milano, nel  1911 alla Mostra Internazionale di Roma. Nel 1914 vinse con il ritratto della bambina Ada Binda, il premio “Principe Umberto”.

Con l’avvento della prima Guerra Mondiale ridusse di molto la sua attività pittorica, ma in questo periodo nel 1916, nasce uno dei suoi lavori più belli (II cappello). Ritrattista noto e affermato, la cui opera è ricercata soprattutto dall’alta borghesia lombarda. Nel 1924 sposa Raffaella di Malta, dalla quale avrà una figlia, Amelia, che diventerà la musa di molte sue opere, si  dedicherà  in questi anni anche alla pittura di paesaggi. Muore a Milano dopo una breve malattia, 1’8 marzo 1929.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio