Angelo Morbelli

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Angelo Morbelli.
Per maggiori informazioni clicca qui

morbelli_alessandro-telaNato ad Alessandria il 18 luglio 1853, Angelo Morbelli fu un pittore italiano che visse – ed ebbe modo di operare come artista – a cavallo tra la fine dell’Ottocento ed i primi anni del Novecento.

La carriera dell’artista iniziò in maniera differente rispetto a molti pittori ed artisti del suo tempo: infatti, il giovanissimo Angelo si era dedicato inizialmente all’attività musicale, ma dopo aver scoperto di essere colpito da una sordità che sarebbe solo peggiorata nel tempo, dovette abbandonare gli studi. I genitori, Giovanni Morbelli e Giovannina Ferraris, non poterono tuttavia fare a meno di notare la particolare predisposizione artistica del figlio, e lo spinsero a frequentare un’accademia artistica, nel campo della pittura.

Infatti, a partire dal 1867, Angelo Morbelli iniziò la sua carriera artistica pittorica frequentando l’Accademia di Belle Arti di Brera: qui, ispirato dal maestro Giuseppe Bertini, ebbe modo di apprendere l’arte della pittura e del disegno, avendo modo di esporre i suoi dipinti in varie città italiane, come Milano e Torino.

Molti furono i temi che il pittore scelse di trattare nelle sue opere, a partire dalla storia, fino ad opere in cui si nota la sua predilezione per i paesaggi; in queste opere si può benissimo notare anche una certa predilezione alla tecnica della sovrapposizione di colori, che fu molto importante per il pittore.

L’anno del successo fu il 1880: proprio in questo anno, il pittore partecipò all’esposizione dell’Accademia di belle arti di Brera, nella quale ebbe modo, con Il Goethe morente, di mostrare al pubblico tutta la sua capacità ed il suo talento.

Fu il 1183, tuttavia, l’anno dei cambiamenti, soprattutto a livello tematico: infatti, una maggiore attenzione alla realtà ed alla vita quotidiana iniziarono ad interessare l’artista che fu ispirato dal tema degli anziani, in particolare quelli ricoverati nel Pio Albergo Trivulzio. E fu proprio in una di queste opere, dal titolo Giorni… ultimi, che vinse il Premio Fumagalli.

Come detto inizialmente, il pittore prese spunto molto spesso dalla realtà che lo circondava, ed avvenne in questo modo anche per le opere che ebbe modo di comporre verso gli anni ottanta, quando sposò Maria Pagani, che lo rese padre di quattro figli: in questo periodo, il Morbelli fu particolarmente attratto dal tema della maternità.

Dopo aver trascorso gli ultimi anni della sua vita tra Milano e Colma, morì a Milano nel 1919

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio