Allori Alessandro il Bronzino

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Allori Alessandro.
Per maggiori informazioni clicca qui

allori-alessandro-quadroAlessandro Allori, noto pittore italiano, fu conosciuto anche come Il bronzino.

Nacque a Firenze nel 1535 dai genitori Cristofano di Lorenzo e Dianora Sofforom. Alla morte del padre, fu Agnolo Bronzino a farsi carico dell’educazione del giovane, insegnandoli l’arte. A seguito della morte del suo mentore, il giovane Alessandro fu soprannominato “Il bronzino”. Durante gli anni dell’apprendistato i due artisti lavorarono ai fregi degli arazzi nel Salone dei Dugento a Palazzo Vecchio (1549-1553) ed in seguito affrescarono la cappella dei Pittori all’Annunziata (1567-71).

Furono anche gli anni in cui Allori si dedicò ad una serie di ritratti, fortemente influenzati dal suo mentore, fra cui compare un Autoritratto ed un ritratto di Caterina Soderini Ginoni (1560). Lavorò ad alcuni ritratti anche su commissione della famiglia Medici ed in particolare si ricorda il ritratto di Lucrezia Minerbetti del 1580. Sono stati invece smarriti i ritratti della famiglia Montauti a cui l’artista lavorò durante un viaggio a Roma (1554-1559).

Di ritorno a Firenze, Allori, lavorò alla cappella di Bastiano Montauti alla Annunziata affrescandola ed iniziò a studiare lo stile del Michelangelo e del Raffaello.

Nel 1563 Allori divenne membro della Accademia del Disegno e continuò ostinatamente a riprodurre lo stile del Michelangelo, molto evidente nella Deposizione, dal quale inizia a discostarsi nelle opere Pesca delle perle e il Convito di Cleopatra (1570 – 1571) realizzate per lo Studiolo di Francesco I in Palazzo Vecchio.

In una nuova versione del proprio stile, più enfatico e melodrammatico, Allori realizzò alcuni quadri per la famiglia Salvati e la  decorazione del palazzo in via del Corso con le Storie dell’Odissea (1579-82). Ritornò in questi anni la fruttuosa collaborazione per la famiglia medicea, per la quale realizza cartoni per gli arazzi a tema mitologico e sacro come Storie della Vergine per S. Maria Maggiore a Bergamo ed eseguì la decorazione del salone nella villa medicea di Poggio a Caiano.

Nel 1581 l’artista torno a Roma dove lavorò a diverse opere come la pala nella Badia di Passignano,  il Cenacolo oggi nell’Accad. Carrara a Bergamo, la Resurrezione per il Carmine di Pisa, la Madonna in gloria nella chiesa di Olmi in Mugello. D’ispirazione fiamminga furono le successive opere come il S. Giacinto in S. Maria Novella (1592), l’Incoronazione della Vergine all’Accademia di Firenze (1593) e la Resurrezione di Lazzaro in S. Francesco di Pistoia (1594).

Negli ultimi anni della sua vita e della sua carriera, Allori produsse opere come il S. Fiacre in S. Spirito (1596), la Natività della Vergine all’Annunziata (1602), l‘ Annunciazione all’Accademia (1603) ed infine le Nozze di Canan in S. Agata (1606), spegnendosi l’anno successivo a quest’opera, a Firenze, a causa della gotta.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio