Agostino Carracci

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Agostino Carracci.
Per maggiori informazioni clicca qui

AgostinoCarracci-dipintoNato a Bologna nel 1557, Agostino Carracci fu allo stesso tempo pittore ed incisore italiano, la cui prima formazione fu orientata al tardomanierismo bolognese: infatti, verso i dieci anni il giovane artista ebbe modo di formarsi presso la bottega di un orafo (che fu utile per insegnargli l’arte dell’incisione), e successivamente il pittore poté apprendere i rudimenti dell’arte presso diversi laboratori (si ricordano la bottega di Prospero Fontana, e lo studio di Domenico Tibaldi, architetto).

Nel 1581 iniziò a viaggiare, dapprima a Parma (dove tornò poi tra il 1586 ed il 1587) e poi a Venezia nel 1582, e tra il 1587 ed il 1589, ma se le sue prime opere pittoriche arrivarono più tardi, già nel 1574 era stato autore di alcune incisioni nelle quali si poteva già apprezzare una certa capacità imitatoria di Michelangelo, Veronese, Tintoretto ed altri maestri.

Agostino Carracci ebbe modo di collaborare insieme al fratello Annibale ed al cugino Ludovico Carracci: è proprio in queste collaborazioni – di cui si ricordano gli affreschi intitolati Storie di Giasone e Medea, presso Palazzo Fava, e Storie di Romolo, a Palazzo Magnani, i primi del 1584 ed i secondi del 1592 – che si nota tutta la sua attenzione verso gli stili delle città che lo hanno ospitato.

Nel 1584 fu autore di quello che è considerato a tutti gli effetti uno dei suoi capolavori, la Comunione di San Girolamo, che attualmente si trova presso la Pinacoteca di Bologna: qui è possibile notare le influenze di artisti come Tiziano, Tintoretto, Raffaello, e molti altri.

Due anni dopo, invece, compose la Pala con la Madonna con Bambino e Santi: in questa ed anche in altre opere di quegli anni, si nota una personalizzazione ed una maturazione stilistica del Carracci sia dal punto di vista dell’uso delle pennellate e dei colori, sia dal punto di vista delle proporzioni.

Tra le altre opere degne di menzione, si ricordano ancora la decorazione della volta della Galleria di Palazzo Farnese, del 1598, insieme al fratello; e la decorazione di Palazzo del Giardino iniziata due anni dopo, ma rimasta incompleta: nello stesso anno, il 22 marzo, si spense a Parma.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio