Pittori: Giovanni Boldini

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Giovanni Boldini. Per maggiori informazioni clicca qui.

dipinto Giovanni Boldini

Giovanni Boldini chiamato Zanin dai familiari nasce a Ferrara il 31 dicembre 1842 e si avvicina alla pittura grazie al padre Antonio. Infatti, si dedica molto presto al disegno ancora prima d’imparare a scrivere.

Il padre Antonio è uno specializzato pittore e restauratore di ritratti e dipinti sacri nonché abile copista. La madre, Benvenuta Caleffi, è una donna molto religiosa che da alla luce tredici figli di cui Zanin era l’ottavo. Giovanni Boldini, come suo padre, dedica i primi periodi della sua formazione alla copia di capolavori rinascimentali e nel 1858 inizia, con una serie di dipinti di signore e di personaggi, che, nemmeno diciottenne, lo renderanno famoso e ricco e lo faranno conoscere al mondo intero come ritrattista.

Nel 1862, su consiglio del padre Antonio, si trasferisce a Firenze e si iscrive all’Accademia di Belle Arti ma non condividendone i metodi, visto il carattere ribelle non frequenterà molto. A Firenze diventa amico inseparabile di Michele Gordigiani e Cristiano Banti e grazie a loro entra nel gruppo dei Macchiaioli. Giovanni Boldini assimila così la proprietà della macchia che in seguito caratterizzerà le sue opere, vedi I Buoi al carro o Gli Allievi nello studio. Entra sempre frequentando altri Caffè di Firenze, in contatto con intellettuali stranieri residenti in Toscana e il successo è grandioso, compensi da capogiro, accesso a tutti i salotti fiorentini e fortuna esagerata con le donne.

Nel 1866 Giovanni Boldini ospite dell’amico Cristiano Banti si reca a Napoli e qui viene affascinato e dall’originalità dell’ambiente partenopeo e durante questo periodo dipinge i ritratti dell’amico Cristiano e della sua famiglia. Nel 1968 ritorna in Toscana e comincia a lavorare sull’affresco della sala da pranzo della “Falconiera” che verrà completata solamente nel 1870. Il 1871 è segnato dal ritorno a a Parigi dove collaborerà con il mercante d’arte Goupil.
A Parigi Boldini realizza quadri di piccolo formato, con temi settecenteschi o di vita contemporanea per soddisfare la esigenze di ricchi collezionisti francesi ed inglesi e che poi saranno l’inizio dei grandi paesaggi parigini e veneziani, realizzati più avanti. Dal 1876 al 1926 Giovanni compie viaggi in Germania, in Olanda, in Spagna, a Nizza, New York, ricevendo consensi ovunque e diventando il più famoso esponente del ritratto d’epoca che, pur con vista indebolita, continua a viaggiare, dipingere ed esporre.

Giovanni Boldini muore l’ 11 gennaio 1931, all’età di 89 anni e per sua volontà la salma venne portata a Ferrara accanto a quella dei suoi genitori.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio