Zandomeneghi Federico

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Zandomeneghi Federico.
Per maggiori informazioni clicca qui

federico_zandomeneghi_operaFederico Zandomeneghi nasce a Venezia nel giugno del 1841. Nato in una famiglia di artisti, figlio di Pietro, scultore e nipote di Luigi, anch’egli scultore, intraprese presto il cammino dell’arte, ma non della scultura che non si confaceva ai suoi desideri.

Nel 1859, per evitare l’arruolamento obbligatorio nell’esercito austriaco, fuggì a Pavia e nel 1860 si unì a Garibaldi nell’impresa dei Mille. Dopo l’impresa Garibaldina, Zandomenighi nel 1862 si trova a Firenze, nel gruppo dei Macchiaioli con V. Cabianca, O. Borrani e S. Lega.  Lì vi rimane per ben cinque anni fino a quando non è costretto a rientrare a Venezia, per problemi familiari.

Ne 1874, poco più che trentenne, Zandomenighi parte alla scoperta di Parigi e della pittura dei giovani impressionisti. E proprio la capitale francese divenne la sua dimora sia privata che artistica per più di 40 anni.

Qui riuscì ad assimilare le nuove tendenze artistiche, quelle che più si rifacevano al suo spirito da colorista. Si fece assumere alle dipendenze del mercante Durant-Ruel che ottenne l’esclusiva delle sue opere, tenendolo però in ombra rispetto a Degas e Renoir, a cui Zandomenighi si richiama.

I suoi lavori sempre originali, scindevano il tessuto cromatico in contenuti delicati, ma allo stesso tempo intensi, tanto da guadagnarsi l’appellativo di edessinateur formidable da parte dei suoi colleghi.

Alla gloria e al successo, però, seguì un periodo cupo e silenzioso che durò fino alla sua morte avvenuta nel Dicembre del 1917.

Le sue opere e la sua importanza rientrano pienamente nella storia della pittura italo-francese e i suoi lavori, soprattutto i pastelli, competono in maniera eccellente con in più grandi nomi dell’Impressionismo francese.

Soggetti principali fiori e figure femminili, ben rappresentate in Nudino in poltrona; Violetta invernale; Capelli d’oro e Risveglio. Da non sottovalutare i paesaggi e ritratti di come quello  di Diego Martelli.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio