Umberto Boccioni

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Umberto Boccioni.
Per maggiori informazioni clicca qui

umberto-boccioni-telaUmberto Boccioni nasce il 19 ottobre 1882 a Reggio Calabria. È stato un pittore e scultore italiano, uno dei principali esponenti del movimento futurista e dell’arte italiana.

Trascorre l’infanzia a Forlì, poi si trasferisce con la famiglia prima a Genova, dopo a Padova. Il padre, usciere di prefettura, per esigenze di servizio è costretto a spostarsi lungo il territorio italiano e quindi ancora una volta c’è uno spostamento.

Questa volta, però, Umberto e il padre vanno in Sicilia, mentre  la madre con la sorella restano a Padova. A Catania Umberto frequenta e si diploma all’istituto tecnico e collabora con alcuni giornali locali.

 

Qui nel luglio del 1900 scrive il suo primo romanzo, Pene dell’anima. L’anno dopo un nuovo trasferimento del padre lo porta a Roma e qui in casa della zia Colomba s’innamora di una delle sue figlie, Sandrina.

Umberto a Roma frequenta lo studio di un cartellonista e apprende i primi insegnamenti della pittura. Frequenta lo studio di Giacomo Balla, pittore divisionista e conosce Gino Severini, anch’egli frequentatore dello studio.

Agli inizi del 1903, insieme a Severini, frequenta la Scuola libera del Nudo ed incontra e stringe amicizia con Mario Sironi, anch’egli allievo di Giacomo Balla. In questi anni dipinge la sua prima opera Campagna Romana.

Nel 1907, per la prima volta va a Milano, conosce e fa amicizia con Romolo Romani, e viene quasi condizionato dalla sua pittura rivolta al simbolismo. A Milano  nel 1910 incontra i divisionisti e con Carlo Carrà, Filippo Tommaso Marinetti, Gino Severini, Luigi Russolo e Giacomo Balla.

Umberto Boccioni a Parigi nel 1914 disegna e dipinge attivamente, pur sentendo i limiti della cultura italiana che a suo dire è una cultura molto provinciale. In questo periodo cominciano le sue prime esperienze di incisore.

Scrive il Manifesto dei pittori futuristi e il Manifesto tecnico del movimento futurista. L’obiettivo era quello di avvicinarsi al mondo contemporaneo sempre più in evoluzione e abbandonare il modello figurativo oramai trapassato. Tra le opere più importanti di Boccioni si ricordano Rissa in galleria (1910), Gli addii (1911), Forze di una strada (1911). Muore il 17 agosto 1916, durante un’esercitazione militare cadendo da cavallo.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio