Teodoro Wolf Ferrari

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Teodoro Wolf Ferrari.
Per maggiori informazioni clicca qui
wolf ferrari teodoro quadroNato a Venezia nel 1878, Teodoro Wolf Ferrari è stato un noto pittore italiano con l’arte nel sangue. A confermarlo è la famiglia in cui nasce e cresce. Suo padre August Wolf, anch’egli pittore, e suo fratello Ermanno Wolf Ferrari, musicista, lo incoraggiarono moltissimo verso le arti.

Allievo di Pietro Fragiacomo, Guglielmo Ciardi e Millo Bortoluzzi intraprese gli studi presso l’Accademia di Venezia. Non mancarono, tuttavia, i viaggi e, infatti, raggiunse Monaco di Baviera nel 1896.

In Germania rimase almeno qualche anno e riuscì ad entrare in contatto con il gruppo di artisti Die Scholle. Il Die Scholle era un movimento di stampo culturale, aperto verso l’innovazione e in antitesi con la tradizione. Ma i contatti li ebbe anche con lo Jugendstil e la scuola di Vienna.

Si aprì da questo momento un altro periodo di viaggi continui che lo spinsero di nuovo a Monaco e da Monaco di nuovo a Venezia fino 1902, anno in cui partecipò all’esposizione internazionale per le arti decorative di Torino con un dipinto e un progetto di vetrata.

Ma di concorsi ce ne furono molti anche in seguito. Nel 1904 a Venezia prese parte alla competizione per il Manifesto del Grand’Hotel d’Italia e 4 anni dopo si impegnò nella decorazione del Caffè Santa Margherita e del Grande Stabilimento Bagni al Lido di Venezia.

In seguito fu un membro attivo del gruppo di ca’ Pesaro, diventandone un esponente importante. Con Vittorio Zecchin lavorò nell’ambito delle arti applicate e nel 1910 partecipò alle Esposizioni Capesarine, esponendo senza pause fino al 1939.

A Ca’ Pesaro decise, poi, di organizzare un’esibizione personale con l’esposizione di 52 opere, e nel 1913 e nel 1915 fu presente alle mostre della Secessione di Roma e nel 1912 e 1914 alla Biennale di Venezia. A quest’ultima si presenterà fino al 1938 e fondò, assieme ad altri, l’Unione Giovani Artisti di Venezia. Trascorse il resto della sua vita a dipingere paesaggi.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio