Sironi Mario

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Mario Sironi.
Per maggiori informazioni clicca qui
quadro mario sironiMario Sironi nasce a Sassari il 12 maggio 1885. Era il secondo di sei figli, nato da padre ingegnere e architetto, Enrico Sironi che in quel periodo lavorava in Sardegna, e Giulia Villa, una donna fiorentina.

A Roma frequenta l’Accademia di Belle Arti di Roma e più tardi lo studio di Giacomo Balla, dove conosce e stringe amicizia con Umberto Boccioni e Gino Severini. Sironi si considerava più romano che sardo e del romano aveva anche l’accento.

Era un uomo introverso e pieno di complessi, non si mostrava mai soddisfatto delle sue opere, viveva un disagio esistenziale che gli procuravano continue crisi depressive, crisi che lo  accompagneranno tutta la vita.

Nel 1914 si trasferisce a Milano. La sua pittura si avvicina al Futurismo anche se il suo stile comincia a spostarsi su forme tendenti al metafisico. Nel 1920 con Achille Funi, Leonardo Dudreville e Luigi Russolo firma il manifesto Contro tutti i ritorni in pittura.

Nel 1925 è stato tra i promotori del gruppo del Novecento, assunse un ruolo di primissimo  piano e, nel 1933, autore del Manifesto della pittura murale, sperimentò tecniche diverse e nuovi modi decorativi.

Grande è Il Pastore, dipinto del 1932, che si trova a Trieste, nel Museo civico Revoltella. Nel 1933 con C. Carrà e M. Campigli  fu autore del Manifesto della pittura murale, occasione questa che gli servì per sperimentare nuove tecniche di pittura murale, mosaico e bassorilievo.

Nel dopoguerra la pittura di Sironi si fece cupa e drammatica perché provato dalla morte della figlia e tornò alla pittura da cavalletto, con tendenze e risultati simili a quelli dell’astrattismo.

Nel 1949 aderì al progetto della collezione Verzocchi, sul tema del lavoro, inviando un autoritratto e l’opera Il Lavoro. Al contrario di molti artisti del Novecento, Mario Sironi non ebbe mai lo stesso comportamento e la stessa espressione artistica ma seppe rinnovarsi sempre e trovare nuove forme espressive.

Muore a Milano nel 1961 e negli ultimi anni eseguì la serie delle Montagne e in molte sue opere anticipò l’astrattismo.

 

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio