Paolo Sala

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Paolo Sala.
Per maggiori informazioni clicca qui
paolo sala quadroNasce a Milano il 24 gennaio 1859 da una nobile famiglia brianzola. Fu allievo di Camillo Boito e dopo aver studiato architettura all’Accademia di Brera (lo fece soprattutto per volere del padre che aveva un’impresa di costruzioni), si dedicò  alla pittura cominciando con soggetti di storia prima e al successivamente al paesaggio.

Infatti, viene considerato soprattutto come pittore di paesaggi. Alla sua prima apparizione ottenne il premio Mylius con il dipinto Il tramonto del 4 giugno 1859, un dipinto che raffigura il dopo della battaglia di Magenta.

Espose un po’ in tutta Italia, a Milano, Venezia, Napoli, Roma e partecipò a molte manifestazioni in molte citta europee come Parigi, Berlino e Londra. Intraprese molti viaggi in Russia, in Olanda e in Sudamerica, dove riuscì a guadagnarsi la fama e importanti  contratti con dei mercanti d’arte.

In Russia entrò nelle grazie dello Zar e ricevette molte committenze e incarichi. Dipinse insieme al fratello Elia, scultore di murales, per il Palazzo d’inverno dello Zar e partecipò alla decorazione del conservatorio imperiale di San Pietroburgo.

In Russia ottenne la cattedra di pittura all’Accademia di Mosca e fece molte esposizioni e buona parte delle opere furono acquistate dallo Zar e dalla nobiltà e i guadagni servirono ad aiutare i pittori russi più indigenti.

Nel 1911, a Milano, fu fondatore e presidente del Gruppo degli Acquarellisti lombardi, la sua tecnica preferita e realizzò dipinti di scene veneziane e di ogni genere, paesaggi e ritratti e oltre all’utilizzo dell’acquerello, utilizzò pastello e olio.

Sono molti i dipinti di squarci di città di vari paesi europei trattati da Paolo Sala. La pittura ha avuto il soppravvento nella sua vita ma  anche se non aveva completato gli studi, non disdegnava l’idea di fare l’ architetto anche in Argentina a Buenos Ayres.

Paolo Sala fu invidiassimo per il successo mercantile e fu molto attivo anche nel sociale. Spesso la sua pittura canonica veniva considerata  sommaria e  irrequieta ma la passione per il pennello era tale da regalargli successo di pubblico e di mercato.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio