Induno Domenico

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Induno Domenico.
Per maggiori informazioni clicca qui

induno_domenico-operaInduno Domenico nacque a Milano nel 1815  e sin dai primi anni della sua adolescenza iniziò a vivere a stretto contatto con il mondo del lavoro, lavorando come orafo nella bottega di Luigi Cossa che collaborava con la Zecca di Stato che lo convinse a iscriversi all’Accademia di Brera.

Le sue doti artistiche furono subito notate da personalità emergenti quali Luigi Sabelli, Pompeo Marchesi e Hayez che furono per Induno un vero e proprio punto di riferimento per la sua formazione. Il suo talento fu notevolmente riconosciuto e premiato con numerosi riconoscimenti.

Nei primi anni della sua carriera >espose a Brera diverse delle sue opere quali Bruto giura di vendicare la morte di Lucrezia, S. Martino che divide il suo mantello con un mendicante e Alessandro infermo vuota la coppa offertagli dal medico Filippo, opera che gli valse il premio di pittura dell’Accademia.

Nella sua pittura spicca la naturale facilità esecutiva e le spiccate doti narrative e una propensione all’inclinazione realista con un leggero gusto classico aperto però al pathos e all’epicità della storia romantica. Propensione che si evidenzia nelle opere quali la Preghiera e l’Orfanella in preghiera. Con l’opera l’Uccellatore si sancisce il cambiamento stilistico dell’artista che decide di affacciarsi al genere olandese e fiammingo del Seicento.

Con il passare degli anni e con la sua rispettiva crescita artistica lo stile dell’Induno acquista sempre di più un propensione al realismo cosa che si manifesta in alcuni suoi dipinti ispirati alle cinque giornate di Milano. La sua pittura, quindi, fonde i principi morali e poetici dei primi anni con quelli realistici e paesaggistici con cui decide di cimentarsi.

Verso la metà del secolo Induno ottenne una notevole fama e notorietà che gli garantirono un notevole benessere economico grazie anche alla possibilità di esporre periodicamente alle Promotrici di Firenze, Genova e Torino. Gli ultimi anni della sua attività furono segnati da un notevole diradamento della sua attività dando maggior enfasi a uno stile pittorico più malinconico e nostalgico.  Morì a Milano nel 1878.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio