Giuseppe Molteni

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Giuseppe Molteni.
Per maggiori informazioni clicca qui

molteni_giuseppe-ritrattoGiuseppe Molteni nacque ad Affori, un quartiere di Milano nel 1800. È stato un pittore italiano, il migliore restauratore del suo tempo. Iscritto studi all’Accademia di Brera fu costretto a lasciare per motivi economici si dedicò al restauro dei dipinti antichi e fu un valido allievo di Giuseppe Guizzardi a Bologna.

A Milano fu uno dei restauratori del tempo più richiesto. Considerato il “principe dei restauratori”, si mise in contatto con tutti i più famosi musei e conoscitori d’arte europei. Il suo studio era un porto per collezionisti e viaggiatori, i suoi restauri venivano ammirati e apprezzati in tutta Europa, mentre i suoi ritratti erano richiesti da regnanti, aristocratici, artisti e intellettuali.

Fu consulente dei maggiori collezionisti e conoscitori italiani ed europei, come Gian Giacomo Boldi Pezzoli, Henry La yard e Charles Eastlake e consulente del Louvre e del British Museum. La sua popolarità aumentò così tanto che fu chiamato a Parma per ritrarre Maria Luigia e a Vienna dove lavorò per gli Asburgo. Gli veniva riconosciuta la facilità con cui dipingeva e veniva molto apprezzato per la minuziosa cura che metteva nei particolari.

Nel 1828 abbandonò il genere di ritratto classico e inaugurò e si specializzò nel genere del “ritratto ambientato o borghese” che lo mise in diretta competizione con Francesco Hayez. Nel 1837 durante un soggiorno a Vienna per dipingere il ritratto di Ferdinando I, conobbe e strinse amicizia con il pittore Friedrich Von Amerling ed ebbe modo di apprezzare la pittura Biedermeier.

Sempre nel 1837 si verificò un notevole cambiamento nella sua attività pittorica, dedicata completamente a scene popolari di vita contemporanea. Questo gli procura un notevole e immediato consenso sia di pubblico sia di critica. Giuseppe Molteni fu sempre presente all’Esposizioni di Belle Arti di Brera e nel 1854 venne nominato conservatore della Pinacoteca dell’Accademia di Brera. Nello stesso anno abbandonò la pittura e morì a Milano nel 1867.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio