Giovanni Battista Moroni

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Giovanni Battista Moroni.
Per maggiori informazioni clicca qui

moroni_giovan_battista-operaMoroni Giovan Battista, pittore italiano del seicento, nasce ad Albino tra il 1521 e il 1524. Poco si conosce della sua infanzia e sul luogo preciso dove visse insieme ai genitori e ai tre fratelli, ma secondo studi relativi ai censimenti dell’epoca è probabile che l’artista abbia vissuto per i primi anni della sua vita nella contrada di Via Nova.

Sulla sua formazione non si conoscono i passaggi cronologici precisi come non sono purtroppo facile individuare le prime opere giovanili del pittore italiano che per diversi anni è stato discepolo del Moretto.  Tuttavia è possibile catalogare alcune delle opere che hanno presumibilmente caratterizzato il suo esordio quale, il Ritratto di Marco Antonio Savelli, S. Girolamo penitente, S. Chiara (Trento, Museo diocesano tridentino) e l’Annunciazione (Trento, Castello del Buonconsiglio, Museo), opere per la maggior a sfondo religioso commissionano da chiese o da famiglie facoltose.

Nel corso della sua attività artistica molte sono state le opere realizzate per nome e per conto di mecenati, creando una fitta rete di rapporti di cui purtroppo per la presenza di numerose lacune biografiche non è stato possibile tracciare in maniera specifica.

Nel 1551 realizza per conto della Chiesa di S. Maria Maggiore di Trento la pala con la Vergine in gloria col Bambino, quattro Padri della Chiesa e s. Giovanni Evangelista, i cui si nota come la sua pittura sia sempre più orientata verso l’ambito religioso, seguendo il binario della pittura ispirato a devozione lombarda del quattrocento. Gli anni a seguire furono particolarmente proficui per il pittore italiano che si dedicò alla realizzazione di numerosi dipinti quali il  Ritratto di gentiluomo, Ritratto Virile, Ritratto di Isotta Brembati, la Crocifissione con la Vergine e i ss. Giovanni Evangelista, Maria Maddalena e Difendente, oggi nella parrocchiale di Ranica, e il Martirio di s. Pietro da Verona (Milano, Castello Sforzesco).

Di Moroni  si ricorda la pittura grigia,  la secchezza del tratto  che ricorda quasi atmosfere caravaggesche, elementi che caratterizzarono tutta la sua arte pittorica creando un vero e proprio linguaggio organico che si proponeva come alternativa  al rigorismo filo-imperiale della sua committenza, che apprezzò sin dai primi istanti la sua coerenza e vivacità artistica.

La dipartita del pittore si può verosimilmente collocare intorno al 1580, ma poco si conosce del luogo dove egli sia deceduto.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio