Gaetano Gandolfi

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Gaetano Gandolfi.
Per maggiori informazioni clicca qui

Gaetano-Gandolfi-operaGaetano Gandolfi fu un pittore italiano dall’indiscusso talento figurativo, dedito particolarmente al ritrattismo riusciva ad effondere nei suoi dipinti maestria e delicatezza, dosando luce e colore, intensità ed eleganza.

Nato a San Matteo della Decima, nel 1734, Gaetano Gandolfi proveniva da una famiglia di artisti, per lo più pittori. Durante gli anni della formazione studiò presso l’Accademia Clementina di Bologna sotto la guida di mentori quali Felice Torelli e Ercole Lelli.

Dedito specialmente alla pittura, Gandolfi non disprezzava però anche altre forme artistiche mostrando un altro particolare talento per la scultura, per cui vinse fra l’altro dei premi in occasione di concorsi accademici.

Sono del 1750 alcune opere come S. Girolamo e S. Maria Maddalena, Bazzano, Oratorio del Suffragio e la decorazione della galleria del Palazzo Malvasia.

Per proseguire in modo più approfondito il suo studio dell’arte, Gandolfi si diresse a Venezia nel 1760, dove ebbe modo di studiare le opere del Tiepolo e la pittura veneta in generale.

Di ritorno a Bologna, un anno dopo, si dedicò alla realizzazione di affreschi per chiese e conventi del luogo. Si ricordano in particolare fra i più importanti dipinti del Gandolfi: Madonna di S. Luca e santi Emidio e Ivo per la Basilica di San Petronio e le Nozze di Cana (1775)  per il convento dei Canonici Regolari di San Salvatore a Bologna (attualmente conservato nella Pinacoteca nazionale di Bologna), Gloria d’angeli, S. Maria della Carità e Miracolo del Beato Piccolomini.

Verso gli anni ’70 del settecento lo stile di Gandolfi iniziò a maturare a farsi più serio e preciso, spaziando nei temi dai soggetti sacri ai soggetti mitologici e filosofici (come ad esempio Diogene e Alessandro e la Morte di Socrate), ai ritratti.

Sul fine degli anni ’80 del settecento, Gandolfi si diresse a Londra, su invito di un amico, dove trovò un nuovo ambiente culturale ed artistico che si riflesse nelle opera dell’ultima produzione, prevalentemente con soggetti profani.

Gandolfi morì a Bologna nel 1802, gli vennero tributati funerali solenni ed alcuni anni dopo gli fu eretto alla Certosa un monumento commemorativo.

Attualmente alcune delle sue opere si trovano esposte in vari musei e gallerie del mondo, come il Louvre di Parigi e il Metropolitan Museum of Art di New York.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio