Egisto Ferroni

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Egisto Ferroni.
Per maggiori informazioni clicca qui

ferroni-egisto-dipintoPittore schivo e riservato, non amante della vita mondana e della celebrità cui ha spesso preferito la pace delle campagne, da cui ha tratto ispirazione per suoi numerosi dipinti. Ebbe notevole fortuna durante la sua vita artistica ma il suo naturalismo non riuscì a superare le barriere del tempo e purtroppo la sua popolarità perse di vigore dopo solo due anni dalla sua morte.

Nato a Lastra Signa (Firenze) il 14 dicembre 1835, primogenito di otto figli, fu indirizzato all’arte dal padre che voleva orientarlo verso l’arte ornatista. Entrò nell’Accademia delle Belle Arti a Firenze, dove studiò disegno, figura e prospettiva con ottimi risultati. Finita l’Accademia, soggiornò qualche anno a Firenze, dove conobbe personalità influenti come E. Pollastrini e S. Bussi che lo avviarono alla composizione storica-anedottica. Nei suoi primi anni giovanili i suoi dipinti mostrano un’impronta neoclassica con un deciso orientamento verso l’osservazione e la resa realistica che si rende concreto nell’arte del ritratto (La fidanzata del pittore, 1858).  Nel 1862 torna nel suo paese d’origine, si sposa e inizia la sua attività di pittore. In questi anni si dedica ai dipinti storici quali l’incontro Carlo VIII con gli ambasciatori fiorentini a Ponte a Signa (conservato nel palazzo municipale). L’impronta accademica è ancora notevolmente evidente soprattutto nei quadretti settecenteschi che spesso gli erano commissionati dalla galleria Pisani di Firenze.

Nel corso degli anni la sua arte abbandonò progressivamente i ferrei crismi accademici per avvicinarsi a uno stile più realistico traendo ispirazione dalle campagne toscane, di cui era profondamente innamorato. Il suo disegno incisivo e plastico mettevano in risalto i contorni vividi della natura e della vita campestre, immortalando attimi di quotidianità, ispirandosi il più possibile al vero. Dipinti quali “Il ritorno alla fiera” (1862), “La visita” (1863), evidenziano il suo tentativo di rappresentare il vero. Alla Promotrice del 1868 presentarono Le trecciaiole (1867: Londra, National Gallery) che testimoniano la sua volontà di dedicarsi a opere più complesse e vaste. La tela colpì particolarmente per le sue dimensioni e per la tematica rurale affrontata nella sua totalità: i personaggi dimessi, dediti al lavoro dei campi rispecchiano attimi di vita vera, nello sfondo di una campagna dipinta con colori tenui scelti in maniera tale da fare risaltare la presenza scenica delle sue figure.

Spostatosi a Parigi nel 1878, in occasione dell’Esposizione universale dove espose i dipinti La boscaiola e Gita in barca,  entrò in contatto con il naturalismo francese di cui rimase profondamente affascinato.  Iniziò così un periodo particolarmente florido per l’artista, che per commissione del conte di Frassineto, realizzò le sue opere più importanti quali: L’infioccatura, 1877; Verso l’ovile, La barca, La caccia, Il ballo, del 1879; Il carro, 1881 e molti altri.

Nel 1891 le vicissitudini familiari e la sofferenza provocata dalla morte del figlio, condussero l’artista a una forte forma di depressione che incise notevolmente sulla sua attività artistica che ebbe negli anni progressive battute d’arresto, ritirandosi sempre più a vita privata, per poi spegnersi nel 1912 a Firenze.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio