Bartolomeo Manfredi

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Bartolomeo Manfredi.
Per maggiori informazioni clicca qui

quadromanfredi_bartolomeoBartolomeo Manfredi è stato un pittore italiano molto presente alla fine del XVI secolo. Allievo di Cristoforo Roncalli seguì come tanti altri pittori che conobbero il Caravaggio la corrente caravaggesca della prima ora, uno stile naturale che incontrò il favore della critica e della committenza.

Oltre a lui si annoverano tra i seguaci di Caravaggio, Cecco del Caravaggio, Carlo Saraceni e lo Spadarino. Il Manfredi imitava soprattutto lo stile delle figure, soldati, musicisti e frequentatori d’osteria, e questo suo modo di dipingere fu definito da uno pittore e storico d’allora nel libro “Accademia tedesca di architettura, scultura e pittura” del 1675.

La sua tecnica e il modo di dipingere furono seguiti da Gerrit van Honthorst e Gerard Seghers e dai frequentatori della sua bottega e da Valentin de Boulogne, Nicolas Régnier, pittori del nord Europa.

La sua opera pittorica fu a lungo considerata negativamente. Fu, infatti, visto spesso come un falsificatore delle opere di Caravaggio e poi grazie a studi fu rivalutato lui e la sua arte e gli venne riconosciuto il merito della diffusione del caravaggismo, uno dei pochi capace di creare l’atmosfera contemporanea e naturalistica che si trovava nelle opere del Caravaggio.

Firenze ha dedicato alla sua opera un’intera stanza nella Galleria degli Uffizi dove si trova proprio uno dei suoi lavori più celebri, Il Concerto musicale (1610-1620), distrutto durante un’azione terroristica nel 1993, ora sostituito da una copia.

In questo dipinto che mostra persone intorno a un tavolo impegnate a suonare gli strumenti c’è tutto lo stile manfrediano. Un’altra opera molto rappresentativa di Bartolomeo Manfredi è La stanza delle guardie (1615-1620), conservata alla Gemäldegalerie di Dresda.

Anche in quest’opera si nota altrettanto bene il suo stile. Un opera altrettanto nota e che presenta un inedito modo di pittura è, infine, Il Castigo di Cupido (1605-1610) dipinto per niente caravaggesco con contrasti decisi e colori accesi e smaltati.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio