Antonio Leto

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Antonio Leto.
Per maggiori informazioni clicca qui

Antonio Leto detto “Antonino” fu un noto pittore italiano figurativo. Cagionevole di salute, amante dei viaggi ma profondamente innamorato di Capri e della Sicilia, uomo colto e sensibile fu esponente della corrente verista.

leto_antonino-dipintoNacque a Monreale nel 1844 e si formo presso la scuola dei macchiaioli di Napoli, dove ebbe come mentore Adriano Cecioni. Continuò la sua formazione nel 1860, a Palermo, studiando prima presso pittura con Luigi Barba e poi presso il pittore paesaggista Luigi Lojacono.

Nel 1874 partì per Roma dove vinse il  Concorso per il Pensionato Artistico, quindi si diresse verso Firenze dove si dedicò allo studio della pittura dei macchiaioli, pur rimanendo orientato verso il verismo ed affascinato palla poesia dei pittori della Scuola di Resina.

Nel 1870 si aggiudicò la medaglia d’argento alla Mostra artistica di Palermo con il dipinto Ritorno al pascolo e l’anno successivo vinse quella d’oro all’Esposizione Regionale di Siracusa con il dipinto La bufera. Dopo la metà degli anni ’70 dell’ottocento si trovò in viaggio per Parigi, dove fece la conoscenza di Giuseppe De Nittis, di cui introiettò i caratteri impressionisti velando in seguito sua pittura di tali reminiscenze.

Nel 1880 di ritorno da Parigi si dirige in Sicilia per stabilirsi a Portici. Nel 1882 è di nuovo in viaggio, stavolta per Capri luogo in cui si dedicò alle vedute panoramiche ed alla pittura paesaggistica con uno studio attento della luce e dei colori. Furono questi i quadri di Antonio Leto che ottennero il maggior consenso nelle esposizioni internazionali e nazionali.

Del resto la paesaggistica insieme alle scene di genere furono il soggetto prediletto di Leto nonché questi dipinti furono quelli che rimasero prevalentemente e favorevolmente impressi nei ricordi dei suoi estimatori, in proposito ricordiamo La Mattanza, La raccolta delle olive e Vecchio pescatore.

Sul finire degli anni ottanta dell’ottocento partecipò all‘Esposizione Universale di Parigi, dove riscosse notevoli elogi dalla critica. Nel 1899 tornò a stabilirsi definitivamente a Capri, luogo nel quale si spense nel 1913. Gli fu dedicata una mostra commemorativa l’anno successivo a Venezia.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio