Angelo Inganni

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Angelo Inganni.
Per maggiori informazioni clicca qui

inganni-angelo-telaAngelo Inganni nasce a Brescia nel 1807 e giovanissimo, insieme al fratello più grande, intraprende la strada artistica nella bottega del padre. Il suo impegno e la sua vena artistica lo premiano con parecchie commissioni di dipinti di soggetti sacri, per chiese di campagna di Brescia.

Questi impegni di lavoro lo rendono responsabile fin da subito e il giovane e laborioso pittore italiano, nel 1827, anno importante che segnerà il suo futuro, viene convocato alle armi nel battaglione Cacciatori a Milano. In questo contesto desta l’attenzione del maresciallo Radetzky, che gli chiede di eseguire il suo ritratto, alleggerendolo del servizio militare e dandogli la possibilità di iscriversi nel 1833 all’Accademia di Brera, dove avrà tra gli altri Giovanni Migliara come maestro.

Espone lavori di paesaggio e vedute nelle mostre annuali dell’Accademia, riscuotendo molti apprezzamenti dalla critica. Apre uno studio a Milano e diventa uno dei più ricercati vedutisti del XIX secolo. Riceve commissioni dalla nobiltà e dalla borghesia da tutto il territorio Lombardo-Veneto.

I suoi dipinti sono caratterizzati dalle realistiche vedute lombarde e da personaggi popolani, questo in una chiara antitesi al neoclassicismo, e già in sintonia con il romanticismo. Torna spesso a Brescia, e nei primi anni 40 espone all’Ateneo, una mostra ispirata alle scene di vita contadina.

Dal 1845 comincia in lui un piccolo cambiamento, decide di dedicarsi all’affresco, e lavora nella Chiesa di S. Marco prima e nella cupola di S. Carlo al Corso successivamente.

Alla morte della moglie, si trasferisce a Gussago e, dopo gli anni ’50, diventa sempre più rara la sua presenza alle mostre, continua a dedicarsi a scene di vita contadina e a rappresentazioni di vedute notturne.

Nel 1853 è a Parigi per prendere parte a un’esposizione parigina. Poi lo ritroviamo di nuovo a Milano, presente in molte mostre milanesi con vedute di Milano e di Brescia. Muore nel 1880 a Gussago mentre era alle prese con un dipinto per il monumento delle Cinque Giornate.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio