Vincent Van Gogh

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Vincent Van Gogh.
Per maggiori informazioni clicca qui

quadro-vangoghVincent Van Gogh è indubbiamente uno degli artisti che meglio coniuga il binomio genio e sregolatezza: nato  nel 1853, la sua vita è stata caratterizzata da una malattia tra la schizofrenia e la depressione che ha fortemente influenzato i rapporti sociali e la realizzazione delle sue opere.

Van Gogh si avvicinò alla pittura in età avanzata come autodidatta, seguendo qualche lezione e consiglio di amici già affermati; nonostante la sua carriera artistica sia durata solo un decennio, ha prodotto una quantità notevole di opere. La vita artistica è suddivisibile in quattro periodi: olandese, parigino, il periodo di Arles ed infine quello di Saint-Rémy e di Auvers.

In Olanda inizia a dipingere temi molto reali sia per quanto riguarda i soggetti sia per quanto riguarda i colori e lo stile utilizzato: sono di questo periodo infatti opere come “Donne che portano sacchi di carbone”, “Tessitore al telaio” ed  “I mangiatori di patate”, che raffigurano azioni di vita quotidiana della popolazione povera, con colori cupi ed ambientazioni estremamente realistiche, al contrario di altri dipinti dell’epoca che tendevano ad idealizzare tali mestieri.

Durante il periodo parigino Van Gogh matura tratti che diverranno caratteristici delle sue opere: l’utilizzo di colori forti quali giallo e marrone, la rappresentazione di girasoli, paesaggi e ritratti. Segue il periodo di Arles, il migliore per la vita dell’artista: qui infatti le opere sono basate su grande luminosità, riscontrabile in dipinti come “La stanza di Vincent ad Arles”, con colori vivaci e rasserenanti per una celebrazione dello spazio privato che lo gratificava, oppure la rappresentazione de “La casa gialla”, presa in affitto con l’amico Gauguin e che doveva essere ritrovo di una comunità di pittori.

Questo periodo felice terminò purtroppo con una lite tra i due, dopo la quale Van Gogh ebbe un forte attacco della malattia e si tagliò un orecchio come forma di auto-punizione: celebre è l’ “Autoritratto con orecchio bendato” che testimonia l’accaduto.

Nell’ultimo periodo di Saint-Rémy, dove vene ricoverato in manicomio, e di Auvers, dove si stabilì una volta uscito, continuano le rappresentazioni di natura morta e paesaggistiche improntate però alla sensazione di isolamento e con colori più cupi, specialmente in dipinti come “La notte stellata” e “Campo di grano con corvi”, che sottolineano l’emarginazione opprimente dell’autore, e che nemmeno l’amico Dottor Gachet, di cui fece in questo periodo alcuni ritratti, seppe curare. Van Gogh infatti si suicidò pochi giorni dopo la realizzazione di quest’ultimo quadro, nel 1890.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio