Diego Velázquez

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Diego Velázquez.
Per maggiori informazioni clicca qui

diego-velazques-quadroDiego Rodríguez de Silva y Velázquez, meglio conosciuto con il nome abbreviato di Diego Velzáquez, nato a Siviglia nel 1599, fu uno dei più grandi pittori spagnoli alla corte del re Filippo IV. Il suo stile è indubbiamente rappresentativo dell’arte barocca, di cui è considerato uno dei maggiori esponenti; eccellente ritrattista, rappresentò infatti più volte i componenti della famiglia reale spagnola ed illustri personaggi d’Europa, ma anche persone comuni.

Proprio il suo capolavoro “Las Meninas”, raffigura sì l’Infanta Margarita, figlia della regina, ma circondata dalle semplici damigelle tra le quali tra l’altro spicca la presenza di una nana. Fin da piccolo ricevette un’ottima educazione linguistica e filosofica per volere dei genitori, ma dimostrò presto talento artistico e incominciò a studiare presso i maestri pittori di Siviglia.

Nel primo decennio della sua attività, Diego Velázquez riuscì a crearsi una buona reputazione, ma fu grazie alla conoscenza dell’ex cappellano del re che poté presentarsi a corte e mostrare il suo valore dipingendo un ritratto del re in una sola giornata. Il risultato piacque talmente al re Filippo IV che decise di farsi ritrarre solamente da Diego Velázquez e pertanto lo nominò pittore di corte.

Fu proprio il re a finanziare le due visite che fece in territorio italiano e che influenzarono molto il suo sviluppo artistico. Infatti di ritorno dal primo viaggio compose ritratti molto più nobili e signorili, come quelli dell’erede al trono Don Baltasar Carlos e del ministro Olivares, mentre altri suoi ritratti famosi sono “Diego de Acedo, el Primo” e “Pablo de Valladolid”, raffiguranti i comici che erano alla corte del re, mentre un grande dipinto a tema religioso è il“Cristo crocifisso”.

Durante il secondo soggiorno italiano ebbe l’occasione di ritrarre anche Papa Innocenzo X, dipinto che rivela la maestria dell’ultimo periodo. Uno degli ultimi capolavori è “Le filatrici”, che riprende l’antico mito di Aracne e condensa il suo carattere artistico. Muore nel 1660 a Madrid.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio