Magnasco Stefano

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Magnasco Stefano.
Per maggiori informazioni clicca qui

magnasco_stefano-quadroStefano Magnasco, fu un pittore italiano padre del noto Alessandro Magnasco.

Nacque a Genova nel 1635. Non sono pervenuti molti dati circa gli anni della sua formazione, potrebbe tuttavia aver studiato a Roma ed aver frequentato, nel 1650, lo studio del pittore genovese Valerio Castello dal quale apprese la pennellata vivace ed il cromatismo brillante. Si presume che il soggiorno a Roma sia durato attorno ai cinque anni.

Degli anni della formazione dell’artista emerge una pittura studiata, molto tecnica e poco personale, è evidente come l’artista avesse attinto da varie correnti e si fosse ispirato a vari artisti (il Correggio, il Parmigianino ed il Procaccini) senza mai sviluppare un proprio stile espressivo.

Nell’opera “Pietà” invece Magnasco si discostò dal Castello per ispirarsi alle opere di Antoon Van Dyck. Un nuovo cambio di direzione si ebbe con il quadro “Passaggio del Mar Rosso” dove è evidente una predilezione per la pittura del Grechetto per poi infine ritornare agli insegnamenti del Castelli nel dipinto “Adorazione dei magi”. Nei quadri riconducili ad un’epoca fra il 1660 e il 1672 invece si denota l’ispirazione al Caravaggio come in “Negazione di Pietro” ed a Andrea Sacchi e di Carlo Maratta nell’opera “Cristo e l’adultera”.

Di ritorno a Genova si sposò con Livia Caterina Musso, con la quale ebbe il figlio Alessandro nel 1667, la figlia Artemisia nel 1669 ed il figlio Giuseppe del quale non si hanno notizie.

Stefano Magnasco si spense a Genova attorno al 1673.

Fra i dipinti famosi di Stefano Magnasco da lui firmati figurano: Il miracolo di S. Ugo (1663), Baccanale di putti, L’Angelo custode,  la Madonna del Rosario ed Il transito di s. Giuseppe. Vi sono anche altre tele contrassegnate con le iniziali dell’artista ed altre che gli vengono riconosciute, per un totale di sessantuno opere attribuitegli. Sono certamente del periodo romano “Susanna e i vecchioni” e “La predicazione del Battista”.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio