De Albertis Sebastiano

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore De Albertis Sebastiano.
Per maggiori informazioni clicca qui

dealbertis-sebastiano-quadroDe Albertis Sebastiano (Milano, 1828 – Milano, 1897) fu un pittore italiano, figlio di Carlo e di Maria Bottoni, fu un promettente allievo dell’Accademia di Brera, poi frequentò negli anni Quaranta gli studi dei pittori Roberto Focosi, Domenico e Gerolamo Induno, con quest’ultimo istaurerà un buon rapporto di amicizia e di scambi culturali.

Partecipò alle Cinque giornate di Milano, guadagnandosi per la sua umanità, l’appellativo di “l’uomo dalla coperta di lana”. Nel 1848, si sposò a Milano, nella chiesa di S. Francesca Romana, e nello stesso anno, partì volontario per la prima guerra d’indipendenza. Fu insignito di numerosi riconoscimenti ufficiali, e nel  1887 dipinse Scena militare esposta al Museo Cantonale d’Arte di Lugano.

Al rientro a Milano aderì alla “Società della Confusion“, con Tranquillo Cremona e Eleuterio Pagliano. Riprende la carriera pittorica e partecipa con successo alle esposizioni di Brera, con un tipo di pittura storica improntata ad alto impegno civile. Eseguì numerose caricature ad acquerello, quelle per la duchessa Eugenia Litta Bolognini, gli permisero di entrare nell’alta borghesia milanese. In questo periodo la produzione dell’artista è caratterizzata da temi di costume e di vita contemporanea, noti sono i dipinti famosi che ritraggono corse di cavalli.

Ebbe una profonda crisi esistenziale in seguito alla morte dell’unico figlio Enrico nel 1874, ritornò a una pittura più formale, nacque il celebre Garibaldinei Vosgi, considerato da molti critici il suo capolavoro, che fu esposto nel 1875 alla Promotrice di Napoli (Milano, Museo del Risorgimento), ed ebbe un notevole successo. Poco prima di morire, nel 1896,  dipinse il ritratto in piedi del Cavaliere Francesco Ponti per le raccolte d’arte dell’Ospedale Maggiore di Milano, e anche se  non tenne una vera e propria scuola, fu riconosciuto come maestro di E. Gola.

Morì a Milano il 29 novembre del 1897 e fu solennemente commemorato dal vecchio commilitone garibaldino E. Guastalla.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio