Diziani Gaspare

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Diziani Gaspare.
Per maggiori informazioni clicca qui

Diziani-gaspare-quadroGaspare Diziani  fu pittore e incisore, nato a Belluno nel 1689. Ricevette la sua formazione presso Antonio Lazzarini, ma si trasferì ben presto a Venezia, dove continuò e completò i suoi studi sotto la guida di  Gregorio Lazzarini e Sebastiano Ricci.

All’inizio realizzò dipinti antichi per opere teatrali, collaborando con lo scenografo Alessandro Mauro, a Dresda così come a Monaco di Baviera.

Nel 1717 realizzò dei dipinti antichi per il palazzo della Residenza di Monaco di Baviera, che rappresentavano le Quattro parti del mondo,  andati perduti durante l’ultima guerra mondiale.

Il primo quadro firmato e datato è l’Estasi di San Francesco (1727)a Belluno in San Rocco, che ha evidenti richiami a quello di Sebastiano Ricci, che si trova a Praga.

Queste prime opere sono caratterizzate da colori accesi e sgargianti, con colate rapide e fragranti. Fu quello un periodo molto fiorente per l’artista.

La sua attività si svolse prevalentemente a Venezia, dove veniva aiutato anche dai due figli, divenuti anch’essi pittori; da lì, inviava a destinazione i dipinti richiesti dalla moltitudine di committenti.

Il 1751 sembrò essere un anno parecchio intenso per l’artista. In quell’anno, infatti, gli venne commissionato il “cielo domenicano” di S. Bartolomeo a Bergamo e il baldacchino della basilica Sant’Antonio di Padova.  Avendo riscosso molto successo, ricevette altre commissioni su quella scia, come il dipinto l’Adorazione dei Magi per Clausone.

Nel 1760, aiutato dai figli, realizzò gli affreschi per la Villa Barbini a Caselle d’Asolo.

Gli ultimi suoi dipinti mostrano un ritorno all’accademismo dal gusto neoclassico,  come si nota nelle tele del soffitto della Scuola di S. Giovanni Evangelista a Venezia.

Notevoli inoltre sono i bozzetti e i disegni preparatori.

Nel 1766 il pittore fu rieletto alla presidenza dell’Accademia per altri due anni, ruolo che però non poté ricoprire fino alla fine a causa della sua morte improvvisa in una bottega di caffè in piazza S. Marco a Venezia il 17 agosto 1767.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio