Della Bella Stefano

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Della Bella Stefano.
Per maggiori informazioni clicca qui

Della-Bella-stefano-quadroStefano Della Bella è stato un incisore italiano. Nacque a Firenze nel 1610.

Proveniente da una famiglia di scultori e incisori, cominciò dapprima a frequentare la bottega dell’orafo Giovanni Fossi, che lasciò poco tempo dopo per l’atelier del cesellatore e medaglista Gasparo Mol.

Pare che l’artista cominciò a copiare le incisioni di Jacques Callot presso l’orafo Orazio Vanni, ed è proprio il maestro di Callot ad aiutare Della Bella e soprattutto a metterlo in contatto con Cesare Dandini, presso il quale l’artista fiorentino studiò pittura a partire dal 1625.

Sotto la protezione di Lorenzo de’ Medici, realizzò circa cinquanta disegni illustrativi per un’edizione del “Trattato della Pittura” di Leonardo da Vinci. Molto importante per la sua formazione pittorica fu il viaggio di studio che fece a Roma, voluto dal suo protettore de’ Medici. Qui conobbe diversi incisori e disegnatori, che influirono sulla sua successiva scelta di trasferirsi a Parigi.

Intanto a Roma produsse numerose vedute di Tivoli, della campagna romana e rovine e scene di strada; fece inoltre copie di dipinti antichi di Raffaello e di sculture classiche. L’opera più importante del suo soggiorno romano è la grande stampa con l’Entrata in Roma dell’eccel.mo ambasciatore di Pollonia l’anno MDCXXXIII.

Si recò presto a Parigi dove, grazie alle opere che realizzò per il cardinale Richelieu, la fama fu garantita. Manifestò il suo amore per la natura attraverso diversi quadretti, che rivelavano nei paesaggi e nelle figure umane uno stile pieno di fantasia.

Intorno al 1640 risale anche l’unico suo dipinto finora rintracciato, un Incendio di Troia, su pietra di paragone, che, eseguito per don Lorenzo de’ Medici a pendant con un Inferno di Vincenzo Mannozzi (entrambi i quadri agli Uffizi) documentava la sua brillante abilità pittorica, presto tuttavia trascurata per dedicarsi solo all’incisione.

Morì a Firenze nel 1664, in seguito ad una lunga malattia.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio