Dandini Cesare

Antichità Giglio offre servizio di valutazione gratuita delle opere del pittore Dandini Cesare.
Per maggiori informazioni clicca qui

dandini-cesare-quadroCesare Dandini nacque a Firenze nel 1596; proveniva da una famiglia di pittori. Studiò in differenti botteghe, passando dal Curradi ad Allori e al Passignano.

Cominciò da giovane a realizzare dipinti antichi per gli altari di chiese e conventi della Toscana, come Pietà o  Assunzione di Maria.  Il Passignano, inoltre, lo coinvolse nella impegnativa decorazione del Duomo di Pisa, considerando la sua pittura ormai matura.

Abbandonato lo studio del Passignano, cominciò una proficua stagione da ritrattista ed ebbe tantissimi committenti anche molto importanti, come esponenti della nobiltà fiorentina o musicisti.

Dipinse, ad esempio, i quadri La morte di Zerbino e L’ultima cena per Giovan Battista Severi; Ritratto di fanciulla (anche conosciuto come Famosa cantatrice) per la collezione del cardinale Giovan Carlo de’ Medici; Artemisia, per la collezione della Galleria Corsini.

Dandini non ebbe molta eco negli anni a venire, anzi venne quasi dimenticato fino ai recenti anni sessanta quando, nell’ambito del processo di rivalutazione della pittura fiorentina seicentesca, fu ripescata la singolarità del suo stile espressa in particolar modo nelle mezze figure.

Il pittore aveva una particolare predisposizione per le opere a carattere religioso, passione che condivideva con Carlo Dolci. I soggetti dei suoi dipinti, infatti, erano soprattutto santi. Il suo quadro religioso più importante può essere considerato quello per la pala d’altare  nella chiesa del SS. Sacramento in Ancona con i SSCarlo BorromeoLorenzo e Apollonia.

Ancora, fuori Firenze dipinse altre tavole d’altare come la Natività di Maria per il presbiterio della chiesa di San Lino di Volterra, o la Madonna e santi per la chiesa di Pontremoli di San Giacomo d’Altopascio.

Dandini ebbe una vita molto irrequieta e fu spesso coinvolto in brutti episodi.

Morì a causa di un attacco d’asma il 7 febbraio del 1657.

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei PERITI ed ESPERTI n° 2683 Camera di Commercio di Milano e
iscritto al Albo del Tribunale di Milano CTU n° 12101.
La Giglio & C. è iscritta alla Federazione Mercanti D’Arte Antica e al Sindacato Provinciale Mercanti d’Arte Antica di Milano.

Federazione Italiana Mercanti d'Arte Associazione Antiquari Milanesi

Il processo di invio immagini è in corso, si prega di NON ESEGUIRE NESSUNA OPERAZIONE fino al completamento dell'invio.
Questo processo potrebbe richiedere un tempo che può variare da pochi secondi fino ad alcuni minuti, poichè la velocità di caricamento dipende da diversi fattori:

  • il numero di immagini inviate
  • la dimensione di ogni immagine
  • la velocità della connessione internet
  • la stabilità della connessione internet (nel caso di connessioni mobili)

Se entro 5 - 6 minuti non vedete comparire un messaggio di "Invio Completato", potete presumere che il processo di invio non andrà a buon fine.
In tal caso ci scusiamo per il disagio e vi preghiamo di inviare direttamente le immagini al seguente indirizzo email: info@antichitagiglio.it

Molte grazie
Lo staff Antichità Giglio


Caricamento immagini in corso ... antichità giglio